Arte e fragilità

Arte e fragilità

Indagine sul rapporto tra arte e fragilità a cura di Alilò futuro anteriore

Su committenza del CSV Centro Servizi Bottega del Volontariato, Alilò futuro anteriore – nell’ambito del Festival In Necessità Virtù edizione 2014 – ha realizzato un’indagine, con l’obiettivo di approfondire il rapporto tra arte e fragilità.
Il tema appare di sempre maggior attualità: la fragilità oggi sembra emergere dal buio in cui era confinata, si mostra diffusa e plurale, sempre più spesso indagata da prospettive pluridisciplinari e, come l’imperfezione, talvolta considerata generativa di quella bellezza che ‘salverà il mondo’. L’arte, d’altre parte, si appropria ed esplora il valore salvifico della bellezza generata dalla fragilità e, quindi, sfugge a un ‘utilizzo’ prevalentemente terapeutico, come talvolta si agisce in ambienti connotati dal paradigma socio-educativo…

Hanno collaborato a questo progetto

Cristiana Ottaviano

Docente di sociologia

Stefania Visinoni

Arteterapeuta, artista

Vanni Maggioni

Insegnante, poeta

Attraversamenti di danza

Attraversamenti di danza

Un progetto di Serena Marossi

Incursioni di danza sul manto stradale in occasione della giornata internazionale della danza.

Evento del 29 aprile 2014

Hanno partecipato:

  • Csc anymore
  • Essenza danza
  • Limen teatro
  • Simona zanini
  • Le molecole
  • Bilico teatro

Hanno collaborato a questo progetto

Clara Luiselli

Performer, visual artist

Laura Mola

Attrice, performer

Serena Marossi

Danzatrice, coreografa

Stefania Visinoni

Arteterapeuta, artista

Immaginare/generare/sperimentare

Immaginare/generare/sperimentare

Laboratorio intergenerazionale quartiere di S. Tomaso (Bergamo) per un welfare prossimo

S. Tomaso: quartiere urbano, 7000 abitanti (oltre 2000 over 65 e 600 anziani soli); fragilità diffuse tra le coorti demografiche e le tipologie di famiglie. Qui, dopo una sperimentazione nel quartiere della Malpensata, Alilò ha coordinato un progetto cui partecipano la Federazione dei Pensionati CISL, le ACLI e il Centro terza Età del Comune di Bergamo. Obiettivo: sviluppare un intervento complesso e condiviso con/tra le reti e i soggetti sociali esistenti come risposta a bisogni ex-sistenti. Si realizza da ottobre 2017 uno Sportello sociale, gestito da Alilò con una giovane risorsa reperita con bando pubblico. È una sperimentazione monitorata di welfare generativo e intergenerazionale, che coinvolge – con dispositivi formativi e metodologie di rilevazione delle domande – risorse del quartiere, reti informali, risorse delle istituzioni (Assessorato alla coesione sociale del Comune di BG, l’istituto Palazzolo, l’ASST, il sistema bibliotecario).

Le ombre del buio

Le ombre del buio

Origini (quasi) nascoste della violenza di genere

In occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne il 25 novembre 2014
Alilò organizza un evento, in collaborazione con altri enti, a sostegno della causa
Per l’occasione debutta una nuova performance teatrale Componimento sui generi[s] che approfondisce la tematica legata alle differenze di genere

Programma

– Saluti istituzionali
– Ma il cielo è sempre più blu, video-inchiesta di Alessandra Ghimenti
– Componimento sui generi[s], performance teatrale a cura di Alilò futuro anteriore
– Intervento del prof. Pietro Barbetta (Università di Bergamo)
– Dibattito

con il Patrocinio di:

  • Comune di Bergamo – Assessorati alla coesione sociale e alla cultura
  • ASL di Bergamo
  • Provincia di Bergamo – Settore Istruzione Formazione Lavoro e Politiche Sociali
  • Università di Bergamo – Dipartimento di Scienze Umane e Sociali

Hanno collaborato a questo progetto

Alessandra Ghimenti

Attivista, videomaker

Cristiana Ottaviano

Docente di sociologia

Mauro Danesi

Attore, psicologo

Vanni Maggioni

Insegnante, poeta

Le radici culturali della violenza. Per una comunità di adulti responsabili

Le radici culturali della violenza. Per una comunità di adulti responsabili

Storie narranti di generi, legami, tenerezze, poteri

Tre serate organizzate dal Dipartimento di Scienze Umane e Sociali dell’Università degli Studi di Bergamo in collaborazione con Alilò futuro anteriore e Educare alle differenze, con il patrocinio del Comune di Bergamo e della Provincia di Bergamo.

23 novembre 2018
Sui generi(s)
videoinchiesta tra bambini e bambine sugli stereotipi di genere; spettacolo teatrale Componimento sui generis(s); commento di Pietro Barbetta e Ivo Lizzola
ore 20,30 Auditorium di Loreto (Largo Roentgen 4) – dalle ore 20 buffet di accoglienza (in collaborazione con Azienda Bergamasca Formazione)

28 novembre 2018
Violenza
performance teatrale con marionette per adulti Isotta; commento di Elena Bougleux e Sara Bonfanti
ore 20,30 Porta Sant’Agostino

6 dicembre 2018
Tenerezza
concerto-conferenza Tenerezza e violenza nel maschile; commento di Cristiana Ottaviano e Alberto Zatti
ore 20,30 Auditorium piazza Libertà

ADERISCONO: “Non sei sola”-Rete Territoriale Antiviolenza Ambiti di Treviglio e Romano di Lombardia; ACLI-Molte fedi sotto lo stesso cielo; AEPER-Progetto “Mai+violento”; Agedo Bergamo; AIAF-Associazione italiana avvocati per la famiglia e per i minori; AIED Bergamo; Agenzia di Tutela della Salute-ATS di Bergamo; Amnesty International-Gruppo di Bergamo; ASD-Ananda; Associazione Culturale Immaginare Orlando; ARCI Bergamo; Arcigay Bergamo CIVES; ArciLesbica Libera Bergamo; Associazione Fior di Loto; Associazione Micaela onlus; ADI-Associazione Dimensione Illudica; Associazione Provinciale Forense di Bergamo-Sezione Famiglia e Minori; ASST Ospedale Bergamo Est Seriate; ASST Ospedale Bergamo Ovest Treviglo; ASST Ospedale Bergamo Papa Giovanni; Avvocatura per i diritti LGBTI-Rete Lenford; Bergamo Pride; Centro aiuto Donna; CESVI; CGIL-Camera del Lavoro territoriale di Bergamo; CISL unione sindacale territoriale di Bergamo; Comitato Carcere e Territorio Bergamo; Comuni di Arzago, Curno, Dalmine, Levate; Comune di Bergamo: Assessorati all’Istruzione Formazione Università e Sport, Coesione sociale, Cultura; Tavolo contro l’omofobia del Comune di Bergamo; Comune di San Pellegrino Terme (capofila della Rete Interistituzionale Antiviolenza Val Brembana–Valle Imagna e Villa d’Almè); ConfCooperative Bergamo; Consiglio delle donne del Comune di Bergamo; Consorzio Ribes; Cooperativa Ruah; Coor.Ge.I.Co.Bg-Coordinamento Genitori Istituti Comprensivi Bergamo; Coordinamento provinciale bergamasco Enti locali per la pace e i Diritti umani; CSC Anymore; CSV–Centro Servizi Volontariato di Bergamo; CTI-Coordinamento Teologhe italiane; Emergency Bergamo; Famiglie Arcobaleno; Festival Danza Estate-23/C Art Coop. Sociale; Festival Domina Domna; Fondazione Serughetti-La Porta; Isabelle il Capriolo; Lab 80; Lesbichexxxbergamo; LIBERA Bergamo Coordinamento provinciale; Pandemonium Teatro; Proud2Be; Provincia di Bergamo; Tavola della Pace; UDI Velia Sacchi Bergamo; UIL di Bergamo; Uisp; Valdesi-Centro culturale protestante; Weworld onlus

Hanno collaborato a questo progetto

Elena Corna

Insegnante, drammaturga, attrice

Laura Mola

Attrice, performer

Piccolo Uovo e altre storie

Piccolo Uovo e altre storie

Un attore, Mauro Danesi, e un’attrice, Laura Mola, presentano in forma teatrale alcuni libri per l’infanzia liberi da stereotipi. Si narra di famiglie diverse, tutte belle e speciali e di bambine e bambini che vogliono semplicemente realizzare i loro sogni.

La performance (di 20 minuti) è pensata per un pubblico dai 5-6 anni e si presta per un confronto successivo con il giovane pubblico; può essere utilizzata anche come dispositivo formativo con adulti. In questo caso è accompagnata da una relazione sul ruolo delle fiabe.

Si ringrazia per la collaborazione Luigia Calcaterra

Tenerezza e violenza nel maschile a Boltiere: pensieri che attraversano la nebbia

25 NOVEMBRE 2017

 
Boltiere, Comune tra le torri (fuoco e gelo) di Zingonia e le cave ( nebbia e cemento) della Gera, chiama Alilò per il 25 novembre. Quattro donne (1 sindaca, 2 assessore – Cultura e politiche sociali, 1 bibliotecaria). Invece dei riti deprecatori del 25 novembre un’occasione di vedere da altre facce della luna: consapevolezze per la prevenzione, il maschile da mettere in cammino, educazione per “gilanizzare” il mondo e i suoi poteri. TENEREZZA E VIOLENZA NEL MASCHILE sfonda la coltre piovosa della pigrizia, rende testimonianza di echi sempre più forti, in testi e canzoni immette nuove tracce logo-emotive del cammino di un anno (tra ricerca, disseminazione, ingaggio pubblico).

Grande performance di Cristiana, Alessandro, Carlo, Stefano: nessuna distanza nella differenza tra cuori e canti, artisti e cittadine/i, intenzioni e attese.

Forse c’è speranza se questo succede qui, sui confini tra nebbie disidentitarie e resistenze tenaci: le scarpe rosse davanti allo stage possono calzare umanità da stasera (in-canto e applausi auto-confermanti) con più coraggio. Senza perdere né dolore né tenerezza, né speranza di amori giusti.

Tenerezza e violenza nel maschile a Boltiere (BG)

Tenerezza e violenza nel maschile a Boltiere (BG)

24 NOVEMBRE 2017

 
Concerto-conferenza per riflettere, attraversando e intrecciando eros e logos, sulla pluralità maschile, tra (in)aspettata tenerezza e (non naturale) violenza.

Giovedì 24 novembre 2017 alle 20:45

Alla vigilia dell giornata internazionale contro la violenza sulle donne Alilò futuro anteriore sarà a Boltiere (Bg) per riflettere sulle maschilità – rigorosamente al plurale – attraverso il concerto-conferenza “Tenerezza e violenza nel maschile“.

Un evento che, incrociando l’esecuzione dal vivo di brani musicali (soprattutto di cantautori italiani, in particolare Fabrizio De André) e la lettura di testi letterari e/o scientifici, vuole proporsi, in raffinato equilibrio tra eros e logos, come occasione di incontro e rislessione sulla pluriversità dell’universo maschile, per aumentare la consapevolezza dei maschi sulle proprie responsabilità rispetto alla violenza di genere, senza dimenticare quelle capacità, spesso celate (e/o negate, ma pur sempre sottilmente presenti), di tenerezza.

Ci troverete (e noi speriamo di trovare tutte, ma soprattutto tutti voi) venerdì 24 novembre alle ore 20:45, presso l’Auditorium comunale di Boltiere (Bg).

Adolescenza, amore, identità sessuale al Liceo “A. Calini” di Brescia

Adolescenza, amore, identità sessuale al Liceo “A. Calini” di Brescia

3 MAGGIO 2017

Parlare e confrontarsi su adolescenza, amore ed identità sessuali per andare oltre gli stereotipi di genere e sessualità

Mercoledì 3 maggio entreremo nel liceo scientifico “A. Calini” di Brescia per approfondire i temi legati a: amore e identità sessuali in adolesceza.

A guidare la discussione con gli/le studenti saranno: Adelaide Baldo (medico psicoterapeuta) e Giorgia Vezzoli, (scrittrice); coordinate dalla presidente del Consultorio famialiare Rosangela Comini.

L’iniziativa è rivolta solo alle e agli studenti del liceo ed è promossa da Consultorio Familiare Onlus di Brescia e Alilò futuro anteriore.

L’immagine utilizzata per questo post è tratta dalla copertina di G. Vezzoli (2016), “Ti amo in tutti i generi del mondo”, Giraldi Editore, Bologna.

Le ombre del buio a Calvenzano (Bg)

Le ombre del buio a Calvenzano (Bg)

29 APRILE 2017

Origini (quasi) nascoste della violenza di genere

Sabato 29 aprile 2017 alle ore 20:45, ci troverete presso l’Auditorium comunale (largo XXV aprile) di Calvenzano (Bg) nel corso della II rassegna teatrale “Il teatro racconta…incontri…” con “Le ombre del buio”.
Un’occasione di riflessione e denuncia che cerca di dipanare il comune filo rosso della violenza di genere, per portarne alla luce le origini (quasi) nascoste, come un labirinto di cui conosciamo in parte la mappa.
Una serata densa, suddivisa in tre momenti distinti ma tra di loro intrecciati:

  • ore 21.00 “Ma il cielo è sempre più blu” proiezione della video-inchiesta condotta con bambini e bambine sugli stereotipi di genere a cura di Alessandra Ghimenti.
  • ore 21.30 “Componimento sui generi[s], performance teatrale, a cura di Alilò futuro anteriore con Mauro Danesi, Sophie Hames e Cristiana Ottaviano, regia di Luigia Calcaterra.
  • ore 22.00 Dibattito con il pubblico condotto da Cristiana Ottaviano, sociologa dell’Università di Bergamo.

Vi aspettiamo numeros*!