25 ottobre 2016: “Tenerezza e violenza nel maschile”

25 ottobre 2016: “Tenerezza e violenza nel maschile”

26 OTTOBRE 2016

(in)canto (in?)consapevole dell’uomo plurale: l’eros seduce il logos. Festa e-motiva e pensosa per generi non soli.

Auditorium di Piazza Libertà (spazio storico dell’agorà culturale e sociale della città), ore 20.30 di martedì 25 ottobre. 250 persone (uomini, donne, giovani e adulti/e, mondi diversi e diversità di mondi) si siedono – curiosità, nostalgie, sentimenti inevasi e domande irreparabili, sguardi dentro e oltre sé e il tempo che prende e dà – mentre Mia Martini ricorda chi sono gli uomini… e un vicesindaco si svela, convinto che controllo non elimina violenze, che nuova cultura è antidoto ad antichi soprusi. I cuori aspettano le prime note per incominciare e continuare a suggere vibrazioni stimolanti da canzoni e musicisti, da narrazioni poetiche e affondi scientifici, dalla voce di Cristiana (per tutti/e è di donna la voce primigenia che dal ventre ci accoglie) in scena e da attenti silenzi in sala. Intensità finalmente offerte e tensioni in-fine auguranti, udite ad occhi socchiusi per riprendere – nella saliente consapevolezza che solo insieme si cambia, cresce, gioisce – il sussurro (fragile, indistinto, ma presente) di uno scarto del passo dell’umanità in cammino, dal binario dell’ineluttabilità “naturale” e della immutabilità “razionale” che ingabbia in prigioni insondabili le relazioni tra uomini e donne. Consapevolezza dell’argilla e della celata, fremito sonoro della tenerezza che la fragilità scioglie e af-fratella/as-sorella le due metà della melagrana e del cielo. E storie terribili e magiche, insinuanti e dubbiose nelle canzoni (De André, ma anche Dalla, Lolli, Guccini, Testa, Gaber…) in raffinate esecuzioni. E storie terribili e magiche, ficcanti e tenere nelle narrazioni di sé e dell’alterità com-presa dall’amore (Pasolini, Bertolucci, Omero, Ossorio…), e testi e con-testi sollevati dal pensiero che mai si ferma (Ciccone, Murgia, Cavarero…) – per potere uscire nella notte che bagna e promette tregua; almeno un po’ più riconoscibili gli uni alle altre, le une agli altri, perché senza più paura a sentirsi indifesi/e rispetto alla passione che da forza e tenerezza, da verità e bellezza, è generata. Sarà un autunno di impegno, per gemme nuove sul vecchio tronco. Alilò, tra futuro anteriore e futuro interiore, canta per cantare insieme canzoni non ancora scritte. Ore 23: ci attardiamo tutti/e nel foyer: saremo, emozionati/e, pronti/e a cantare, voci diverse, in coro, in libertà. Se ti tagliassero a pezzetti…